Porno e realtà virtuale: nasce KinkVR

Poteva l’industria pornografica non mettere le mani sulla realtà virtuale? Ovvio che no. È sin dall’alba dei tempi che il porno detta le regole in molti campi. Ad esempio, sapevate che Sony con il suo formato Betamax perse la battaglia contro le cassette VHS perché l’azienda giapponese decise di non ammettere contenuti pornografici? Lezione che tra l’altro ha imparato anche Oculus stessa, dicendo di non supportare contenuti pornografici sul proprio store, ma non vietandone l’utilizzo, anche detto: “fatevi un giretto su Internet che potete trovare tutto il materiale porno che volete lì”. Quando poi lo stesso Internet e le piattaforme e-commerce nacquero negli anni ’90, fu il porno che ne decretò il successo e l’affermazione.

Ma torniamo a noi. Kink, uno dei più grandi produttori di contenuti per l’industria pornografica ha infatti annunciato l’apertura di un sito dedicato esclusivamente alla realtà virtuale, fornendo contenuti per adulti gratuiti fino alla fine dell’anno. Ma Kink non è certo la prima azienda di questo tipo ad entrare nel mondo della VR. Su Internet potete trovare molti altri siti con discreta facilità, ma forse questo lo sapete già. Si possono infatti trovare parecchi video compatibili con Samsung Gear VR e Google Cardboard, per citare i due più famosi visori adesso in commercio.

Porno e realtà virtuale

Il responsabile delle relazioni con i media di Kink, Michael Stabile, ha proferito le seguenti parole riguardo alla VR:

La VR ha l’opportunità di cambiare l’industria pornografica, in particolar modo per i contenuti BDSM e fetish, che coinvolgono lo spettatore emozionalmente più di un video tradizionale.

Natacha Merritt, autrice di best-seller e fotografie dal contenuto erotico, ha invece elogiato la VR dicendo che:

Con la VR siamo liberi di esplorare nuove fantasie sessuali. Ti permette di esplorare cose che non ti sentiresti a tuo agio esplorare in un contesto reale.

Il sito ha debuttato con quattro contenuti gratuiti, e ne pubblicherà uno ogni settimana fino al 25 dicembre. Dopo quella data comincerà a fare sul serio, a detta sua.

Ognuno ha il proprio modo di augurare Buon Natale.

Articoli che ti potrebbero interessare

Lascia un commento